Vongole alla birra e zenzero

Vongole alla birra

VONGOLE ALLA BIRRA E ZENZERO CON PATATE AL FORNO

Per 4 persone

  • 2 kg di vongole
  • 1 kg di patate
  • 33 cl di birra bianca
  • 2 scalogni
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 cm di zenzero
  • 3 foglie di alloro
  • 1 rametto di rosmarino
  • 3 rametti di timo
  • 30 g di burro
  • 4 cucchiai di olio d’oliva
  • qualche foglia di menta
  • sale pepe

Preriscaldate il forno a 180 ° C. Lavate e pelate le patate, tagliatele a spicchi.

Mettete le patate in una pirofila, cospargetele con 2 cucchiai di olio d’oliva, unite il burro a pezzi, distribuite il rosmarino, il timo e le foglie di alloro, sale e pepe. Infornate la pirofila per 1 ora circa mescolando di tanto in tanto il contenuto.

Durante questo tempo, spurgate le vongole in una ciotola piena di acqua salata, per almeno 1 ora.

Pelate e tritate gli scalogni, pelate e tritate l’aglio. Sbucciate lo zenzero e tritatelo. In una casseruola capiente rosolate il tutto con 2 cucchiai di olio d’oliva; dopo qualche minuto unite le vongole precedentemente scolate e la birra, coprite fino a quando i gusci non si saranno aperti: ci vorranno circa 5 minuti di cottura. Mescolate spesso in modo che si aprano in modo uniforme.

Servite subito le vongole con il loro fondo di cottura e le patate cosparse di foglioline di menta.

Vongole alla birra

Ricetta realizzata per “Keep Calm and what’s for dinner” tratta da “Saveurs” n. 272.

Baba’ salato calabrese

Baba' salato calabrese

BABA’ SALATO CALABRESE

  • 300 g farina 0
  • 300 g farina 00
  • 4 uova medie
  • 80 g olio di semi di girasole
  • 25 g  lievito di birra
  • 320 g latte parzialmente scremato
  • ½ cucchiaino di sale
  • pepe macinato
  • 35 g parmigiano grattugiato
  • 35 g pecorino crotonese grattugiato
  • 150 g soppressata
  • 100 g pancetta di suino nero
  • 50 g nduja
  • 200 g caciocavallo
  • 100 g di provolone semipiccante

Baba' salato calabrese

Sciogliete nella ciotola della planetaria il lievito in un poco di latte, poi aggiungete il latte restante alternandolo alle farine.

Unite le uova leggermente sbattute con il sale ed il pepe e l’olio,

Aggiungete il parmigiano, il pecorino, la soppressata e la pancetta tagliate a tocchetti e la nduja.

Terminate con il caciocavallo e il provolone tagliati a dadini.

Versate l’impasto nello stampo per babà imburrato e infarinato e lasciatelo lievitare per 2 ora circa.

Nel frattempo portate il forno a 180 °C e cuocete in modalità statico per 50 minuti circa.

Sfornate, lasciate intiepidire e servite.

Per la giornata nazionale del baba’ sul Calendario del Cibo Italiano.

Plumcake alle zucchine

Plumcake alle zucchine

Sul Calendario del Cibo Italiano non poteva certo mancare una giornata dedicata alle zucchine. E noi non potevamo non pubblicare questo meraviglioso, soffice, gustoso plumcake.

PLUMCAKE ALLE ZUCCHINE

  • 1 zucchina media
  • 85 g di formaggio fresco di capra (tipo tomino)
  • 115 g di pancetta (circa 4 fette) affettata trasversalmente
  • 240 g di farina tipo 1
  • Una bustina (15 g) di lievito istantaneo per torte salate
  • 1/2 cucchiaio di sale marino
  • 1/4 cucchiaino di pepe macinato
  • 4 uova grandi, sbattute
  • 160 ml di latte parzialmente scremato
  • 55 ml di olio extra vergine

Preriscaldate il forno a 180 ° F. Spruzzate uno stampo da plumcake da circa 22 x 15 cm con spray staccante, oppure imburratelo ed infarinatelo.

Tagliate cinque fette da 1 cm dal centro delle zucchine e mettete da parte. Tagliate a dadini il resto delle zucchine. Tagliate due pezzi da 1 cm dal centro del formaggio e tagliate a cubetti il resto, conservate in frigorifero le fette e il formaggio a cubetti separatamente.

Cuocete il bacon in una padella a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto,  per 5 minuti. Aggiungete le zucchine tagliate a cubetti e cuocete, mescolando di tanto in tanto, fino a quando le zucchine saranno tenere e la pancetta inizierà a rosolare, da 3 a 5 minuti.

Nel frattempo, miscelate farina, lievito, sale e pepe in una grande ciotola. Sbattete uova, latte e olio in una ciotola media. Fate un incavo al centro degli ingredienti secchi e aggiungete gli ingredienti umidi. Sbattete fino a quando la pastella sarà liscia. Unite le zucchine cotte con la pancetta e il formaggio a dadini mescolando fino ad amalgamare. Versate l’impasto nello stampo preparato e lisciate la parte superiore. Disponete le fette di zucchine e di formaggio di capra in cima alla pagnotta.

Cuocete fino a quando la parte superiore sarà dorata e uno stuzzicadenti inserito al centro risulterà asciutto, circa 45 minuti. Raffreddate nello stampo per 10 minuti, quindi sformate su una griglia. Lasciate raffreddare per almeno 30 minuti prima di affettare.

Dosi per circa 12 fette.

Plumcake alle zucchine

Torta di mele e mandorle

Torta mele e mandorle

TORTA DI MELE E MANDORLE CON RUM

Per 4-6 persone.

  • 500 g di mele
  • 155 g di burro morbido + un po’ per lo stampo
  • 140 g di zucchero
  • 3 uova
  • 125 g di mandorle tritate
  • 45 g di farina
  • 60 g di mandorle a scaglie
  • 8 cl di rum

Pelate e tagliate le mele a cubetti di media grandezza.

Scaldate 30 g di burro in una padella, aggiungete le mele e 20 g di zucchero. Cuocete per 5 minuti, versate 5 cl di rum e flambate. Mettete da parte.

Imburrate uno stampo di 24 cm di diametro. Foderatelo con le mandorle a scaglie, poi capovolgete lo stampo per raccogliere il resto delle mandorle. Mettetelo in frigorifero.

Preriscaldate il forno a 160 ° C. Mescolate la farina e le mandorle tritate. In un altro contenitore montate 125 g di burro morbido con 120 g di zucchero. Incorporate le uova una ad una, poi 3 cl di rum. Aggiungete gradualmente la miscela di polveri. Quando la preparazione sarà omogenea, versatela nello stampo. Ricoprite con le mele e cospargete con le rimanenti mandorle a scaglie.

Infornate per 50 minuti.

Lasciate raffreddare prima di sformare.

Torta mele e mandorle al rum

Ricetta realizzata per “Keep Calm and what’s for dinner” e tratta da “Saveurs” n. 272)

Frittata tarassaco e pancetta

Frittata tarassaco e pancetta

FRITTATA DI TARASSACO E PANCETTA

PER 4 PERSONE

  • 600 g di tarassaco
  • 6 uova
  • 80 g di pancetta tesa in un solo pezzo
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe

Mondate il tarassaco e sciacquatelo sotto acqua corrente.

In una pentola scaldate abbondante acqua salata, tuffatevi il tarassaco e cuocetelo per 5 minuti. Poi scolatelo, lasciatelo intiepidire e strizzatelo.

Tagliatelo con un coltello in modo da spezzettarlo grossolanamente.

Sbucciate l’aglio e schiacciatelo con il palmo della mano.

Tagliate a bastoncini la pancetta, mettetela in una padella antiaderente con l’aglio e fatelo dorare a fuoco medio alto.

Eliminate l’aglio, aggiungete il tarassaco, saltatelo qualche istante e poi lasciatelo intiepidire.

Sbattete le uova con sale e pepe, aggiungete il tarassaco, mescolate e fate riposare per 10 minuti.

Scaldate un filo d’olio in una padella antiaderente, versatevi il composto di uova ed erbe e cuocete a fuoco medio basso finché anche la superficie inizierà a rapprendersi.

A questo punto girate la frittata con l’aiuto di un coperchio o di un piatto, terminate la cottura e servitela tiepida.

Frittata tarassaco e pancetta

(da Sale & Pepe – Maggio 2020)

Pappa al pomodoro con tarallucci

Pappa al pomodoro con tarallucci

Anche la pappa al pomodoro ha una sua giornata sul Calendario del Cibo Italiano. Vi va di provare una versione leggermente rivisitata?

PAPPA AL POMODORO CON TARALLUCCI

Per 4 persone

  • 250 grammi di tarallucci
  • 1 kg di pomodori freschi di San Marzano
  • 12 pomodorini datterini
  • Un cucchiaio di erbe aromatiche miste fresche tritate (timo, origano, erba cipollina, rosmarino)
  • Pepe nero q.b.
  • 150 grammi di olive verdi denocciolate
  • Una cipolla rossa di Tropea IGP media
  • Uno spicchio di aglio
  • Alcune foglie di basilico fresco
  • Sale q.b.
  • Un cucchiaino di zucchero semolato
  • Un cucchiaino di aceto balsamico di Modena IGP
  • Olio extravergine di oliva q.b.

In una ciotola riunite il trito di erbe aromatiche, lo zucchero e l’aceto balsamico, aggiungete un cucchiaio di olio e un pizzico di sale ed emulsionate bene il tutto.

Tagliate i pomodorini datterini a metà nel senso della lunghezza, sistemateli su una teglia ricoperta di carta da forno e cospargeteli con il condimento preparato.

Infornate a 100°C per un’ora circa (devono asciugare senza annerire).

In un tegame capiente soffriggete l’aglio nell’olio caldo, poi schiacciatelo e toglietelo.

Unite la cipolla tritata finemente e fatela imbiondire.

Aggiungete i pomodori di San Marzano in pezzi e le olive tagliate a metà.

Unite un bicchiere di acqua e lasciate cuocere per un’ora.

Riducete in crema ¾ del composto (con un mixer a immersione o con il passaverdure), poi spezzettate ogni

taralluccio in quattro parti e sistemateli nei piatti.

Versate il sugo caldo sui tarallucci e lasciate assorbire coprendo i piatti con fogli di alluminio da cucina per

mantenere il calore.

Guarnite con i pomodorini cotti in forno, briciole di tarallucci, foglie di basilico fresco e completate con una macinata di pepe e un filo di olio a crudo.

Pappa al pomodoro con tarallucci

Uova strapazzate “Bloody Mary”

Uova strapazzate "Bloody Mary"

Quando sento nominare il succo di pomodoro, penso istantaneamente al Bloody Mary, il notissimo cocktail che sicuramente conoscete tutti. Non è propriamente adatto per una prima colazione, anche se è consigliato per un’eventuale risveglio post-sbornia. Se non è il vostro caso, ma vi va di provarlo, questa è una versione adatta a tutti e molto appetitosa. Ve la propongo nella giornata che il Calendario del Cibo Italiano dedica al pomodoro.

UOVA STRAPAZZATE “BLOODY MARY”

Per 4 persone

  • 4 uova
  • 2 cucchiai di latte
  • ½ cucchiaino di Tabasco più extra da servire, (opzionale)
  • ½ cucchiaino di salsa Worcestershire, più extra da servire (opzionale)
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • Olio per friggere
  • 100 g di pomodorini
  • 1 cucchiaio di erba cipollina finemente tagliata
  • 100 g di salmone affumicato, affettato
  • 4 fette di pane integrale, tostato e imburrato
  • ½ limone tagliato a spicchi

Sbattete insieme le uova, il latte, il tabasco, la salsa Worcestershire e un po’di olio in una terrina.

Scaldate l’ olio in una grande padella antiaderente a fuoco basso e versate il composto di uova. Cuocete, mescolando, fino a quando non è cotto intorno ai bordi e ancora cremoso al centro.

Quindi unite i pomodorini e proseguite la cottura per 1 minuto fino a quando le uova hanno finito di cuocere.

Ricoprite il pane con le uova strapazzate e un pizzico di erba cipollina, e mettete il salmone affumicato sul lato con una fetta di limone da spremere sopra a piacere.

Condite con l’aggiunta di salsa Tabasco e Worcestershire, se gradite.

Uova strapazzate "Bloody Mary"

Ricetta realizzata dalla rivista BBC Good Food, novembre 2016

Uova al forno con tahini e piselli

Uova al forno con tahini

UOVA AL FORNO CON TAHINI E PISELLI

da “Saveurs” n. 273

Per 4 persone

  • 400 g di piselli freschi (ovvero 150 g sgusciati)
  • 4 uova freschissime
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 limone
  • 4 cucchiai di tahini
  • 4 rametti di cerfoglio (o prezzemolo)
  • 4 rametti di aneto
  • 4 rametti di erba cipollina
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • sale, pepe

Sgusciate i piselli e sbollentateli per 5 minuti in una pentola di acqua bollente salata.

Pelate e schiacciate l’aglio, riducendolo in crema. Mescolare il tahini con l’aglio, il succo di mezzo limone e 8 cucchiai d’acqua. Salate.

Preriscaldate la griglia del forno ventilato, a 240 °C. Ungete 4 tegamini (o una teglia), distribuite la crema tahini, rompete un uovo in ogni piatto, mettendo da parte il tuorlo. Cospargete con metà dei piselli, salate e infornate per 2 o 3 minuti (5 minuti in teglia).

Nel frattempo lavate e asciugate le foglie di cerfoglio. Tritate l’erba cipollina.

Adagiate ogni tuorlo sull’albume cotto, spolverate con i restanti piselli, cerfoglio, erba cipollina e rametti di aneto, pepate e degustate subito.

Uova al forno con tahini

Ricetta realizzata per “Keep Calm and what’s for dinner