Pacchetto di panpizza ai carciofi

Pacchetto di panpizza

Questo originale pacchetto di panpizza ai carciofi è realizzato con il lievito di birra fresco in panetto. Dal momento che non amo utilizzarne molto, ho iniziato la mattina, allungando i tempi di lievitazione, per avere il mio pacchetto pronto per cena.

Ecco gli ingredienti:

  • 500 gr. di farina (200 di 00, 200 di Manitoba e 100 di 0),
  • 6 gr. di lievito di birra fresco,
  • 300 ml. di acqua,
  • 2 cucchiai di olio,
  • un cucchiaino di sale,
  • 50 gr. di prosciutto cotto a fette,
  • olive nere snocciolate,
  • cuori di carciofi sbollentati per dieci minuti (QUI è descritto come pulirli),
  • 100 gr. di mozzarella di bufala.

Sciogliere il lievito in 50 gr. di acqua tiepida ed impastarlo con 100 gr. di farina Manitoba. Formare un panetto e lasciarlo lievitare per 7/8 ore.

Fare la fontana con il resto della farina, mettere al centro il panetto lievitato, l’olio e metà dell’acqua rimasta, ed iniziare ad impastare (se si fa con la planetaria basteranno pochi minuti).

Aggiungere altra acqua, poco per volta, ed il sale. Si dovrà ottenere un impasto della consistenza del… lobo dell’orecchio! Ebbene si, è il parametro migliore per capire se l’impasto va bene. Impossibile sbagliare!

A questo punto raccogliere l’impasto a palla e mettere in forno con la luce accesa, in una ciotola capiente e leggermente unta, coperta da un canovaccio, fino al raddoppio (un paio d’ore).

Insaporire per cinque minuti i carciofi in un tegame con olio, aglio, sale e peperoncino. Farli raffreddare e tagliarli a tocchetti.

Scolare, strizzandola bene, la mozzarella e tagliarla a pezzetti insieme alle olive ed al prosciutto.

Prendere l’impasto lievitato e dividerlo molto delicatamente in 6 pezzi. Stenderli in forma il più possibile quadrata.

Farcire i quadrati di pasta con il ripieno preparato e richiudere due lembi opposti uno sull’altro. Prendere gli altri due lembi ed unirli al centro pizzicandoli (se li inumidite con un po’ di acqua tengono meglio).

Lasciare riposare il tempo di portare il forno a 220° di temperatura, poi infornare il pacchetto di panpizza ai carciofi. Dopo dieci minuti abbassare la temperatura a 190° e cuocere per un’altra mezz’ora. Se si dovesse scurire troppo, copritelo con un foglio di alluminio.

Volendo accorciare i tempi, potete usare tutto il cubetto di lievito (25 gr.) e saltare il preimpasto. Si può impastare direttamente il tutto (lasciando il sale sempre per ultimo) e basteranno un paio di ore di lievitazione.

Da EatParade con gusto!

Focaccia sale grosso, olive nere e ciliegini

L’impasto della focaccia sale grosso, olive nere e ciliegini è quello della famosissima pizza di Bonci.

Per comodità riporto qui ingredienti e procedimento.

Ingredienti per una teglia da 35×35:

100 gr. di LM rinfrescato da 3/4 ore (deve essere bello gonfio), 200 gr. di
manitoba, 200 gr. di farina 00, 320 gr. di acqua a temperatura ambiente, 12 gr.
di sale, 1 cucchiaio di olio.

Niente planetaria, si fa a mano in un minuto.

Sciogliere il LM in meta’ acqua, aggiungere la farina, poi l’acqua e l’olio, in
ultimo il sale. Mescolare brevemente con una forchetta (si otterra’ un impasto
approssimativo e stracciato). Lasciare riposare 10 minuti, poi dare due giri di
pieghe senza strapazzare troppo l’impasto. Mettere in una ciotola di vetro
abbastanza capiente e leggermente unta d’olio, con le pieghe sotto. Coprire con
pellicola alimentare o con un piatto e mettere nella parte piu’ bassa del frigo
per 20 ore. Togliere dal frigo e stirare delicatamente, senza schiacciare,
sulla teglia unta. Se e’ troppo elastico, lasciare riposare dieci minuti, poi
riprendere.”

A questo punto del procedimento, per ottenere la focaccia sale grosso, si mettono sulla superficie della focaccia le olive nere snocciolate e i pomodori ciliegini, tutto tagliato a metà, premendo nell’impasto.

Poi si copre il tutto con pellicola alimentare e si lascia riposare in forno con la luce accesa per 4 ore.

Trascorso il tempo di lievitazione, si prepara un’emulsione con metà olio evo e metà acqua, rosmarino e sale grosso, e si irrora la superficie della focaccia.

Si lascia riposare giusto il tempo di scaldare il forno a 240°, poi si inforna per 10 minuti nella scanalatura più bassa e per 10 minuti nella parte superiore del forno.

E buona cena, o pranzo, o merenda, o colazione… questa focaccia sale grosso, olive nere e pomodori ciliegini è buona a tutte le ore!

Da EatParade con gusto!

Piadina filante – ricetta con lievito madre

Inutile, proprio non mi riesce di buttare via il lievito in esubero. Se non ho necessità o tempo di panificare, cerco sempre il modo di utilizzarlo; stasera, ad esempio, si va di piadina filante

Il lievito madre l’avevo rinfrescato ieri, ne ho 150 gr. di avanzo.

Ecco gli altri ingredienti:

  • 100 gr. di farina 00,
  • 50 gr. di acqua,
  • un cucchiaio di olio evo,
  • mezzo cucchiaino di sale.

Sciogliere il lievito madre nell’acqua a temperatura ambiente, aggiungere la farina e l’olio, in ultimo il sale..

Formare un panetto e lasciarlo riposare, coperto, per un’oretta.

Suddividere l’impasto in 3/4 palline di uguale misura, e stenderle a cerchio con il matterello.

Scaldare la piastra, il testo, la crépiere o una padella antiaderente e cuocere le piadine da ambo le parti.

Farcire con prosciutto cotto e caciocavallo, poi arrotolare o piegare a metà la piadina e ripassare brevemente in padella, fino a quando il formaggio diventa filante.

Ovviamente, si può variare il ripieno a piacere: ottima anche con rucola e prosciutto crudo, con pomodoro e mozzarella, per restare sul classico. Ma osate anche abbinamenti nuovi e fantasiosi! Provate con pesto e melanzane grigliate, o in versione dolce (diminuite il sale nell’impasto) con confettura ai frutti di bosco o crema alle nocciole.

Focaccia morbida con fiocchi di patate

Focaccia morbida

Non amo il puré in fiocchi, ma ne avevo una busta in scadenza. Avendo preparato degli involtini di verza, ho pensato di accompagnarli alle patate duchesse. Mi serviva, però, anche un po’ di pane… Così ho deciso di preparare questa focaccia morbida

Gli ingredienti:

  • 75 gr. di LiCoLi rinfrescato,
  • 25 gr. di fiocchi patate,
  • 300 gr. di farina 00,
  • 240 gr. di acqua,
  • 10 gr. di sale, u
  • n cucchiaio di olio.

Ho miscelato il LiCoLi all’acqua, poi vi ho sciolto dentro i fiocchi di patate.

Ho aggiunto la farina ed in ultimo il sale e l’olio. Ho impastato brevemente, ed ho lasciato riposare per mezz’ora.

Ho dato un giro di pieghe e lasciato nuovamente riposare per un’altra mezz’ora.

Dopo un altro giro di pieghe ho sistemato l’impasto in una ciotola di vetro unta d’olio e coperta da un piatto, e l’ho messo in frigo.

Il giorno dopo ho steso l’impasto in una teglia e l’ho lasciato in forno con la luce accesa, coperto da pellicola, per 4 ore.

L’ho spennellato abbondantemente, ma delicatamente, per non sgonfiarlo, con un misto di acqua, olio, sale e rosmarino.

Ho acceso il forno a 220° ed ho infornato per dieci minuti nella scanalatura più bassa.

Poi ho abbassato a 200° ed ho spostato la teglia in alto per altri 15 minuti.

Focaccia con olive e pomodorini

Per questa morbidissima focaccia con olive e pomodorini

questi sono gli ingredienti:

  • 350 gr di farina tipo “0”,
  • 150 gr. di semola rimacinata,
  • 150 gr. di lievito madre,
  • 150 gr. di acqua tiepida,
  • 2 cucchiai di olio evo,
  • 2 cucchiai di fiocchi di patate,
  • 1 cucchiaino di malto d’orzo,
  • 2 cucchiaini di sale.

Sciogliere il lievito madre nell’acqua tiepida con il malto d’orzo, poi aggiungere l’olio, la farina setacciata con il sale e i fiocchi di patate.

Lasciare lievitare in luogo caldo e non esposto a correnti, per 12 ore. Stendere nella teglia unta e farcire con mozzarella, pomodori ciliegini, olive verdi e origano. Lasciare lievitare nuovamente per 3/4 ore, spargervi un filo d’olio e infornare a 220° per 30 minuti circa.

Casatiello sfogliato con LM

Oltre ad essere una preparazione tradizionale della Pasqua, questo casatiello sfogliato con LM è anche un’ottima risorsa per le scampagnate di primavera, dalla pasquetta in poi, oltre che per merende, buffet, o addirittura in versione fingerfood.

Ecco gli ingredienti:

Per l’impasto:

  • 150 gr. di LM rinfrescato 3/4 ore prima,
  • 350 di farina (metà Manitoba e metà 0 biologica),
  • 220 gr. di acqua,
  • 30 gr. di strutto,
  • un cucchiaino di sale,
  • orzo.

Per il ripieno:

  • salame napoletano,
  • provolone piccante,
  • caciocavallo silano (tagliati a dadini),
  • pecorino, parmigiano (grattugiati),
  • pepe,
  • strutto.

Sciogliere il LM in metà acqua con il malto d’orzo (io uso la MdP), aggiungere la farina un po’ per volta, alternando con il resto dell’acqua. In ultimo unire il sale e lo strutto.
Lasciare lievitare fino al raddoppio.

Stendere l’impasto in un rettangolo aiutandosi con farina di semola rimacinata (sarà piuttosto molliccio), spalmarlo con strutto, cospargere di parmigiano, pecorino e pepe,ripiegare a libro e ruotare di 90°.

Ripetere il procedimento altre 2 volte lasciando riposare mezz’ora in frigo tra un giro e l’altro (tipo pasta sfoglia).

Stendere nuovamente e distribuire sul  rettangolo il salame,il provolone ed il caciocavallo tagliati a dadini.

Arrotolare e lasciare lievitare in uno stampo a ciambella.

Cuocere a 220° per 10 minuti, poi abbassare a 180° per altri 50.

I tempi: al mattino (ore 7 circa) ho rinfrescato il LM, verso le 11 ho impastato. La sera, intorno alle 21 ho preparato il casatiello e l’ho lasciato lievitare in forno (senza luce). La mattina dopo ho infornato. Ovviamente, dipende dalla forza del LM: la tempistica varia e la lievitazione va controllata “a vista”.

Da EatParade con gusto!

 

Pizza di Bonci con LM

Si, insomma, a noi la pizza di Bonci con lm e’ piaciuta.

Altina il giusto, soffice, ma ben cotta, saporita e leggera

Ingredienti per una teglia da 35×35:

  • 100 gr. di LM rinfrescato da 3/4 ore (deve essere bello gonfio),
  • 200 gr. di manitoba,
  • 200 gr. di farina 00,
  • 320 gr. di acqua a temperatura ambiente,
  • 12 gr. di sale,
  • 1 cucchiaio di olio.

Niente planetaria, si fa a mano in un minuto.
Sciogliere il LM in meta’ acqua, aggiungere la farina, poi l’acqua e l’olio, in ultimo il sale.

Mescolare brevemente con una forchetta (si otterra’ un impasto approssimativo e stracciato).

Lasciare riposare 10 minuti, poi dare due giri di pieghe senza strapazzare troppo l’impasto.

Mettere in una ciotola di vetro abbastanza capiente e leggermente unta d’olio, con le pieghe sotto.

Coprire con pellicola alimentare o con un piatto e mettere nella parte piu’ bassa del frigo per 20 ore.

Togliere dal frigo e stirare delicatamente, senza schiacciare, sulla teglia unta.

Se e’ troppo elastico, lasciare riposare dieci minuti, poi riprendere.

Cospargere con poca semola rimacinata, coprire la teglia con la pellicola e lasciare in forno spento per 4 ore.

Condire a piacere (tranne la mozzarella, che va aggiunta negli ultimi cinque minuti).

Infornare nella scanalatura in basso a 250 gradi per dieci minuti, poi abbassare la temperatura a 230 gradi e sistemare la teglia in alto per altri 10/15 minuti.