Polpo tiepido su nido di patate viola

Questa insalata di polpo tiepido è resa più completa e scenografica dall’aggiunta di un nido di patate viola.

Ovviamente, se non si trovano le patate viola, si può ovviare con le comuni patate a pasta gialla, sarà ugualmente squisita.

E’ bella da presentare come antipasto, ma, in porzioni più abbondanti, è anche un gustoso secondo.

Ecco gli ingredienti e la preparazione:

per 4 persone occorrono

  • 5/6 patate viola,
  • 200 ml. di latte,
  • un pizzico di sale,
  • un pizzico di pepe,
  • 30 gr. di burro,
  • 50 gr. di parmigiano grattugiato,
  • 400 gr. circa di tentacoli di polpo puliti,
  • un cucchiaio di succo di limone,
  • un cucchiaino di olio,
  • prezzemolo tritato.

Portate a bollore l’acqua in una pentola capiente con poco sale, poi immergete e togliete più volte i tentacoli, aiutandovi con una schiumarola. Lasciateli poi cuocere per una ventina di minuti, fino a quando li sentirete teneri pungendoli con la forchetta. Spegnete il fuoco e lasciateli nell’acqua ad intiepidire.

Nel frattempo preparate i nidi di patate. Sbucciate le patate e tagliatele in tocchetti.

Mettetele in una pirofila che le contenga in un solo strato, adatta al microonde, e copritele con il latte.

Aggiungete un pizzico di sale, coprite con pellicola per alimenti bucherellata, o con apposito coperchio, e cuocete alla massima potenza per 20 minuti.

Riducete le patate in puré con il mixer, togliendo un po’ del latte di cottura: se serve, aggiungetelo in seguito.

Unite il burro, il pepe ed il parmigiano, e mescolate bene. Il composto non deve essere troppo liquido, ma di consistenza adatta ad essere spremuto dalla sac à poche, con la quale realizzerete i nidi sulla teglia coperta da carta forno.

Infornate i nidi a 200° per una decina di minuti, nel frattempo scolate e tagliate a pezzettini i tentacoli. Conditeli con l’olio, il succo di limone ed il prezzemolo, ed adagiateli nei nidi di patate.

L’antipasto di polpo tiepido è pronto per essere servito.

Da EatParade con gusto!

Uovo in camicia con agretti in cestino di parmigiano

L’uovo in camicia con agretti in cestino di parmigiano è una preparazione molto semplice, ma di grande effetto, come antipasto per una tavola speciale, o come finger food in un buffet raffinato.

Conoscete gli agretti? Si trovano in primavera e sono chiamati anche “barba di frate”. Somigliano vagamente all’erba cipollina, contengono vitamine e fibre, hanno un ottima aroma ed un retrogusto lievemente aspro. In questa ricetta li ho utilizzati per insaporire e colorare l’uovo in camicia. Ecco gli ingredienti: Continua a leggere “Uovo in camicia con agretti in cestino di parmigiano”

Cotechino finger food – quando è troppo, è troppo

Vi è avanzato il cotechino di capodanno? Troppo pieni per mangiarlo tutto… e magari anche un po’ di lenticchie? Prepariamo un delizioso antipastino finger food per il giorno dopo.

Per ogni porzione di cotechino finger food ci servono:
  • Una fetta di cotechino
  • Un cucchiaio di lenticchie
  • Pane raffermo
  • Peperoncino in polvere

Tagliate il cotechino a dadini e passatelo velocemente in una padellina antiaderente per fargli perdere un po’ di grasso.

Toglietelo e, nella stessa padella, abbrustolite dei bastoncini di pane e spolverateli con peperoncino in polvere.

Frullate la lenticchie fino a ridurle in puré denso, mettetene uno strato sul fondo del bicchierino e lasciate in frigo per una mezzoretta.

Sullo strato di crema di lenticchie sistemate i dadini di cotechino finger food, completate con i bastoncini di pane e servite.

Vi è piaciuta questa idea? Mi trovate anche QUI

 

Code di gamberi piccanti – Antipasto di mare

Code di gamberi piccanti: un antipasto stuzzicante, ma solo per chi ama i gusti forti!

Ingredienti:

  • Code di gamberi,
  • un bicchierino di gin,
  • mezzo cucchiaino di paprika,
  • un peperoncino piccante,
  • olio extra vergine di oliva,
  • pepe nero,
  • sale.

Sgusciare le code di gamberi e mettere i gusci in un pentolino con poca acqua salata e la paprika; lasciare sobbollire.

Nel frattempo soffriggere il peperoncino in una padella con olio evo, aggiungere le code sgusciate, dopo due minuti sfumare con il gin.

Unire due/tre cucchiai dell’acqua con la paprika e lasciarla consumare. Servire con una spolverata di pepe nero… e EatParade vi consiglia un estintore!

Peperoni alle acciughe

Gustoso piatto freddo da buffet, ottimo antipasto, saporito contorno per un secondo leggero: sono i peperoni alle acciughe

Preparati così non sono proprio dietetici, anche se ho evitato la  frittura, che sarebbe d’obbligo.

In genere raccolgo quelli verdi, di forma allungata, detti “friggitelli” o  “di Nocera”.

Li arrostisco in forno o alla piastra, li spello, li sfilaccio.

Soffriggo in olio d’oliva due spicchi d’aglio (che poi schiaccio e tolgo), vi sciolgo qualche acciuga (meglio quelle sotto sale, ben risciacquate, ma vanno bene anche quelle in scatola).

Vi sbriciolo un pugno di mollica rafferma e la faccio insaporire.

All’ultimo momento aggiungo un pizzico di prezzemolo.

Spargo  sui peperoni sfilettati, un giro di olio crudo e via.

Vi aspetto anche sulla mia pagina Facebook