Confettura di pesche gialle al cardamomo – Metodo Ferber

Amo preparare marmellate e confetture. Quando ho fretta, butto in pentola frutta, zucchero (non meno del 50%) e faccio bollire fino a cottura. Quando ho più tempo a disposizione vado col metodo di Christine Ferber, con qualche leggera variazione.

Per questa confettura di pesche gialle al cardamomo ho messo in una pentola a bordi alti un chilo di pesche gialle pulite e tagliate a pezzetti, 600 gr. di zucchero, una mela verde a tocchetti (contiene pectina che facilita l’addensamento). Ho rimescolato, coperto con pellicola e lasciato macerare in frigo tutto il giorno. La sera ho trasferito il tutto in pentola, aggiungendo 4 semi di cardamomo (in un filtro da the), ho portato al fremissement (quel leggero fremito che precede il bollore), lasciato raffreddare e rimesso al fresco per tutta la notte. Al mattino ho rimesso a cuocere a fuoco vivo per 15/20 minuti, dopo aver dato una frullata superficiale con il minipimer (mi piace che resti qualche pezzetto), schiumando ogni volta che era necessario. Quando un mezzo cucchiaino di confettura messo su un piattino inclinato non scorreva più, ho tolto il cardamomo e riempito i vasetti precedentemente sterilizzati, che ho poi capovolto e lasciato raffreddare.

Ottima per crostate, sulle fette biscottate, nei cornetti.

Io la mangio a cucchiaiate…

Confettura di fragole e vaniglia

Temo che sarà l’ultimo raccolto di fragole, per quest’anno. Ed allora, per ricordare il profumo dell’estate, una ricetta velocissima di confettura di fragole e vaniglia

  • 700 gr. di fragole,
  • 500 gr. di zucchero semolato,
  • una bacca di vaniglia.

Lavare bene le fragole e tagliarle a pezzi.

Lasciarle macerare nella pentola, ricoperte dallo zucchero, per qualche ora.

Aggiungere la bacca di vaniglia aperta e mettere a cuocere per circa mezz’ora.

Mettere mezzo cucchiaino di confettura su un piattino inclinato; se scivola a fatica, è pronta per essere versata nei vasetti precedentemente bolliti per sterilizzarli.

Chiudere i vasetti e capovolgerli fino al raffreddamento.

Controllare il sottovuoto: eventualmente riportare la confettura a bollore ed invasare in un nuovo barattolo.

Io utilizzo i vasetti piccoli, da 150 gr., per metterli anche nei cestini natalizi. Con queste dosi ne sono venuti 5.