Barbabietole in insalata

barbabietole

Le barbabietole in Calabria sono tra i piatti che si servono tradizionalmente nel menu di Natale.

L’allegra e colorata insalata di barbabietole è sempre presente sulla tavola delle feste, ma questo ortaggio sparisce misteriosamente per tutto il resto dell’anno.

Invece dovremmo abituarci a consumarle con frequenza, soprattutto subito dopo le festività di fine anno, quando è pressante l’esigenza di riprendersi dagli inevitabili bagordi.

Le barbabietole hanno tantissime qualità benefiche: sono rimineralizzanti, antiossidanti, antiinfiammatorie, sono depurative e rafforzano il sistema immunitario.

Insomma, ho deciso di inserirle nel menu, ed ho iniziato con questa freschissima insalata.

Le ho unite al mais, che regala un tocco di freschezza e colore; le noci che, come tutta la frutta secca sono preziose per abbassare i valori del colesterolo; l’olio che non va demonizzato in quanto apportatore di calorie: un buon olio extravergine di oliva porta molti benefici all’organismo.

L’aggiunta del parmigiano, il più leggero tra i formaggi ed il più digeribile, regala un apporto di proteine che trasforma questa insalata in un piatto unico.

Gli ingredienti dell’insalata di barbabietole:

  • 4 barbabietole rosse,
  • due cucchiai di mais lessato,
  • 80 gr. di parmigiano reggiano in dadini o scaglie
  • qualche gheriglio di noce,
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva,
  • un cucchiaino di aceto balsamico,
  • sale,
  • qualche foglia di mentuccia.

Sbucciate e lessate le barbabietole, e lasciatele raffreddare in uno scolapasta.

Tagliatele a cubetti ed unitele al mais ed al parmigiano.

Emulsionate l’olio con il sale, l’aceto e la mentuccia sminuzzata.

Condite l’insalata con l’emulsione e spargetevi sopra i gherigli di noce tritati.

Vi garantisco che questa insalata vi conquisterà!

Il succo di barbabietola macchia, tanto che viene utilizzato come colorante naturale. Quando tagliate le barbabietole utilizzate i guanti: è un consiglio da EatParade con gusto!

Fagiolini in insalata alla mentuccia

I fagiolini in insalata sono un contorno veramente fresco e colorato, adattissimo alla stagione calda che sta iniziando

I fagiolini fanno capolino nell’orto, la mentuccia fiorisce e profuma nel vaso. Sapete che i due vanno d’amore e d’accordo? Se poi aggiungiamo un altro paio di ingredienti…

Per prepararla (dosi per 4 persone) servono:

  • 250 gr. di fagiolini freschi,
  • 3 pomodori tondi a grappolo,
  • 50 gr. di ricotta affumicata,
  • qualche foglia di mentuccia fresca,
  • olio evo, sale,
  • mezzo cucchiaino di aceto balsamico.

Lessate in acqua bollente i fagiolini per 15/20 minuti (devono essere teneri, ma non disfarsi).

Scolateli e lasciateli raffreddare.

Tagliate a pezzetti i pomodori, raccogliendone il sugo.

Unite i pomodori ai fagiolini, condite con l’olio, il sale.

Miscelate l’aceto balsamico al succo dei pomodori ed aggiungetelo all’insalata.

Lavate e sminuzzate la mentuccia e spargetela sull’insalata.

Mescolate bene i fagiolini in insalata e lasciateli riposare per 2/3 ore in frigo.

Al momento di servire, aggiungete la ricotta affumicata ridotta in scaglie.

Sentirete che bontà! Provate anche ad aggiungere della pasta fredda, o dei crostini di pane: diventerà un appetitoso piatto unico da portare in ufficio o per un picnic.

Da EatParade con gusto!

Insalata di puntarelle, finocchi e pompelmo

insalata di puntarelle

L’insalata di puntarelle finocchi e pompelmo è fresca e leggera.

Le puntarelle, molto note ai romani e dintorni, non sono conosciutissime altrove.

Avete presenti i germogli interni della cicoria catalogna? Sono tenerissimi, leggermente amarognoli, croccanti.

E’ consigliabile consumare crude le puntarelle, dopo averle tuffate in acqua e ghiaccio, per non perdere le loro preziose qualità nutrizionali.

Ad esempio, favoriscono l’eliminazione della bile. Hanno azione diuretica e aiutano a ridurre l’assorbimento dei glucidi.

Dunque, molto utili nelle diete dimagranti e disintossicanti.

Il finocchio è rinfrescante, ha proprietà digestive e antiossidanti.

E che dire delle carote? Importanti per proteggere la vista e la pelle.

Per aumentare i benefici, aggiungiamo il pompelmo rosa: ricchissimo di vitamina C, abbassa colesterolo e trigliceridi. Inoltre, il suo gusto amarognolo contrasta la dolcezza del finocchio, rendendo questa insalata davvero invitante e gustosa.

Ingredienti:

  • puntarelle,
  • un finocchio,
  • una carota,
  • un pompelmo rosa,
  • olio evo,
  • sale,
  • finocchietto selvatico,
  • pepe bianco.

Lavare e tagliare in striscioline le puntarelle.

Lasciarle in acqua freddissima per 24 ore (meglio aggiungere qualche cubetto di chiaccio), serve a togliere un po’ di amaro.

Lavare ed affettare qualche foglia tenera di finocchio.

Pulire una carota e tagliarla a julienne.

Sbucciare al vivo mezzo pompelmo e tagliarlo a pezzi.

Spremere l’altra metà ed emulsionare il succo con l’olio, il sale, il finocchio selvatico ed il pepe.

Unire tutti gli ingredienti e condirli con l’emulsione.

L’insalata di puntarelle, finocchi e pompelmo è una unione di sapori contrastanti, ma perfettamente amalgamati, che vi stupirà piacevolmente.

La mia pagina Facebook: EatParadeBlog

Insalata di baccala’

A noi l’insalata di baccala‘ piace davvero tanto.

E’ vero, il baccalà richiede un po’ di cura e tempo nella preparazione, ma il risultato, comunque venga cucinato, è sempre soddisfacente.

Oggi l’ho preparato in insalata, una delle tante versioni che ho sperimentato nel corso degli anni e che ho trovata particolarmente gustosa.

Il baccalà è stato messo a mollo in acqua per due giorni in frigorifero, cambiandola spesso.

La mattina della preparazione l’ho lasciato per un po’ in acqua corrente, mentre lo tagliavo a pezzi e toglievo più lische possibile.

Poi ho messo a bollire delle patate, già sbucciate e tagliate a pezzetti piccoli. Sul vapore delle patate, ho messo a cuocere il baccalà, nell’apposito cestello.

Appena pronte le patate, le ho scolate per bene e condite, ancora calde, con poco sale, origano, olio, capperi, olive verdi e nere, ed infine ho unito il baccalà, dopo averlo ulteriormente diliscate e ridotto in pezzettini.

Lasciato raffreddare il tutto e servito con succo di limone a parte.

L’insalata di baccala’ e un piatto semplice, molto casalingo, ma infinitamente buono.

Mi trovate anche su Facebook: EatParadeBlog