Tortilla di patate e cipolle per l’MTC72

tortilla

La tortilla di patate è l’argomento scelto da Mai Esteve del blog Il Colore della Curcuma per la sfida n° 72 dell’ MTChallenge.

Mai ha vinto la sfida del mese scorso, guadagnosi il titolo e una sfilza di “tepossino“.

Non tanto per la scelta della ricetta base, che mi piace molto e che ho già prodotto in svariati esemplari equamente distribuiti tra parenti, amici e vicini che hanno gradito molto e sono già in fila dietro la porta in attesa della prossima spadellata. Continua a leggere “Tortilla di patate e cipolle per l’MTC72”

Alto crotonese DOP: l’olio che non può mancare

L’ Alto crotonese DOP è un olio extra vergine di oliva “Carolea” e viene prodotto in una circoscritta zona della provincia di Crotone, in Calabria, regione che condivide con la Puglia il primato di maggiore produttrice di olio in Italia.

La zona di produzione di questo olio è la stessa di “produzione” del Doc, il mio coinquilino a vita, il che fa capire come lì abbiano origine prodotti di eccellenza (!) Continua a leggere “Alto crotonese DOP: l’olio che non può mancare”

Polpo con patate. Trucchi e consigli del pescatore.

polpo

Polpo, tanto per cominciare.

Non “polipo“, che è tutt’altro.

Non moscardino che, al contrario del polpo, ha una sola fila di ventose sui tentacoli, si ferma ai 500/600 g max di peso ha un colore più pallido e smorto.  A tal proposito, non fatevi infinocchiare se vi offrono una polpessa: non è una femmina di polpo, ma un altro nome del moscardino. Non è disprezzabile, intendiamoci: è comunque buono in umido, col pomodoro, per condire una pasta o un risotto. Ma ‘u pruppu è un’altra storia. Continua a leggere “Polpo con patate. Trucchi e consigli del pescatore.”

Buccia di patata? Se è silana IGP, la mangiamo!

Quanta buccia di patata si spreca, ogni volta che prepariamo chips, gnocchi, gateaux e tortini?

In Sila, l’altopiano calabrese delle meraviglie, crescono patate talmente buone, che buttar via la buccia è un vero sacrilegio. Così, si è trovato il modo di utilizzare anche questi scarti.

Per cominciare, vi spiego perché la patata silana è IGP ed è speciale.

E’ l’unico prodotto definito di alta montagna coltivato nel centro del Mediterraneo.

Cresce ad oltre 1000 metri di altezza e la temperatura mai eccessivamente calda fa sì che il suo contenuto di amido sia superiore alla norma. Questo la rende più saporita e nutriente e maggiormente resistente alle lunghe cotture.

_DSC6281

Si conserva facilmente a lungo, in ambienti protetti da correnti e al riparo. dalla luce

Inoltre, il notevole sbalzo termico che subisce, ha reso nel tempo la sua buccia più spessa e quindi anche più resistente agli attacchi batterici.

_DSC6294

E qui veniamo al punto: una buccia così spessa, saporita e sana, perché sprecarla?

Ecco come la riutilizziamo qui, nel paese dei miracoli e del riciclo:

BUCCIA DI PATATA SILANA FRITTA AL MIELE:

  • bucce di patata silana IGP
  • olio extra vergine di oliva Brutio DOP
  • sale
  • miele di castagno (più deciso), o di acacia (più leggero)

Lavate bene le patate sotto l’acqua corrente ed asciugatele, prima di sbucciarle.

Lasciate poca polpa attaccata alla buccia.

Riducete le bucce in listarelle larghe circa un dito.

Preparate una bacinella con acqua e ghiaccio.

Portate a bollore dell’acqua salata ed immergetevi le bucce per 4/5 minuti.

Nel frattempo. scaldate in una padella abbondante olio.

Scolate le bucce con una schiumarola e tuffatele nell’acqua ghiacciata.

Immergetele immediatamente nell’olio bollente, senza asciugarle, per qualche minuto.

Scolatele su carta assorbente e servitele cosparse da un filo di miele.

Non riuscirete a farne più a meno. Ma fatelo solo con la patata silana IGP!

Polpette di tonno e patate

Gustosissime polpette di tonno e patate per la soddisfazione di ogni palato.

Piaceranno sicuramente anche a chi non ama il pesce, perché sono dorate all’esterno e morbide all’interno, con un pizzico pepato che regala un aroma in più

Ecco gli ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di patate
  • 120 gr. di tonno sott’olio o al naturale
  • un uovo
  • un pizzico di pepe bianco
  • una presa di sale
  • un pizzico di prezzemolo tritato
  • 100 gr. di farina 00
  • olio di semi di girasole

Lavate bene le patate e lessatele con la buccia, fino a quando quest’ultima inizierà ad aprirsi.

Passatele al setaccio ed unitevi il tonno sminuzzato ed il prezzemolo.

Sbattete leggermente con la forchetta l’uovo, con il sale ed il pepe.

Impastate tutto insieme e formate delle polpette grandi come noci, ed appiattitele leggermente schiacciandole tra le mani.

Passatele nella farina e friggetele nell’olio bollente per 5/6 minuti.

Scolatele su un foglio di carta assorbente e servitele con una fresca insalata.

Un ottimo secondo, da segnare nella vostra EatParade!

Insalata cremosa di patate

Cosa rende questa insalata cremosa?

Un ingrediente misterioso, che in realtà è comunissimo e molto usato. Si tratta dello yogurt, che tutti conosciamo bene. Detto tra noi, io ne mangio spesso, di tutti i gusti e di tutte le marche, ma per la cucina apprezzo in particolare il Total, perché è molto cremoso e per nulla acido. Che si tratti di ricette dolci o salate, si abbina molto bene ed ha un’ottima resa anche negli impasti.

In questa occasione l’ho utilizzato per dare cremosità ad una comunissima insalata di patate. Perché non provate anche voi? Ecco gli ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di patate
  • 200 gr. di fagioli borlotti già lessati
  • 2 uova
  • 120 gr. di tonno sott’olio
  • sale, paprika, origano, pepe bianco
  • olio evo
  • un cucchiaino di aceto di mele (o aceto di vino bianco)
  • un vasetto di yogurt Total Fage da 170 gr.

Lavate e sbucciate le patate, tagliatele a dadini e lessatele in acqua bollente salata (per velocizzare i tempi, copritele di acqua salata e mettetele in microonde alla potenza max per 15 minuti).

Rassodate le uova (9 minuti dal bollore), sgusciatele e tagliuzzate gli albumi. Tenete i tuorli da parte.

In una terrina schiacciate bene i tuorli con la forchetta ed amalgamateli allo yogurt. Aggiungete mezzo cucchiaino di paprika e l’aceto. Miscelate bene.

Unite le patate a dadini, i fagioli, il tonno ben scolato, gli albumi rassodati e mescolate.

Spolverate l’insalata cremosa di patate con origano tritato e pepe bianco.

Sentirete che bontà. Al primo posto nella EatParade di oggi!

Gnocchi sorrentini gratinati al forno

Gli gnocchi sorrentini

sono freschi, colorati, e semplicemente squisiti. Profumati dal basilico ed arricchiti da una leggera gratinatura in forno, sono davvero appetitosi. Provate a prepararli, sono certa che piaceranno a tutti… nella versione calabrese! Eccovi gli ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di patate silane
  • 100 gr. di farina 00
  • 1 kg. di pomodori freschi Sammarzano
  • 200 gr. di fiordilatte
  • qualche foglia di basilico fresco
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio evo
  • sale.

Lessate le patate, (scegliete quelle “vecchie” ed a pasta gialla, sono più asciutte ed assorbono meno farina), sbucciatele e passatele al passaverdura.

Impastatele, ancora calde, con la farina, aggiungendo un pizzico di sale.

Formate dei cilindri dello spessore di un dito, e ritagliatene dei pezzi di 2 cm.

Formate gli gnocchi facendoli scivolare sui rebbi di una forchetta, sull’apposito rigagnocchi zz

o, come si usa in Calabria, sul “crivo”

Scottate i pomodori in acqua bollente per un paio di minuti, poi pelateli. La buccia verrà via con facilità.

Tagliatene alcuni a pezzettini e riducete gli altri in salsa nel passaverdure.

Soffriggete gli spicchi d’aglio puliti in olio evo, poi schiacciateli e toglieteli.

Aggiungete i pomodori a pezzetti e fateli insaporire brevemente.

Unite la salsa di pomodoro, il basilico, il sale e poca acqua. Lasciate cuocere per un’ora circa, poi togliete le foglie di basilico.

Portate a bollore una pentola d’acqua salata, lessate gli gnocchi e toglieteli delicatamente con la schiumarola non appena salgono a galla.

Versateli nel tegame con il sugo ed aggiungete il fiordilatte tritato.

Mescolate velocemente, distribuite in quattro pirofile monoporzione da forno, cospargete di parmigiano grattugiato e gratinate in forno per qualche minuto.

Oggi al primo posto in EatParade, gli gnocchi sorrentini!

 

 

Insalata di fagioli borlotti

L’insalata di fagioli borlotti Insalata fagioli e patate OR

con l’aggiunta di patate, pomodori e tonno, è un piatto completo, fresco, gustoso, appetitoso ed allegro. Che volere di più? Per l’estate è indicatissimo, e con qualche piccolo accorgimento diventa anche superveloce!

Ingredienti:

  • 250 gr. di fagioli borlotti secchi
  • 2 grosse patate
  • 5/6 pomodori pachino
  • 150 gr. di tonno sott’olio
  • origano, basilico, alloro, sale

Sciacquate bene i fagioli e metteteli a mollo per 12 ore in una bacinella d’acqua

Scolateli e lessateli fino a cottura (un paio d’ore) partendo da acqua fredda e su fiamma non troppo alta (devono sobbollire), con qualche foglia d’alloro.

Aggiungete un po’ di sale a fine cottura, poi scolateli e lasciateli raffreddare.

Spazzolate le patate e passatele sotto l’acqua corrente, poi lessatele per circa mezz’ora, fino a quando le sentirete tenere infilzandole con la forchetta.

Sbucciatele e lasciatele raffreddare bene in frigo (questo eviterà che si sfaldino), poi tagliatele a pezzetti.

Lavate e tagliate anche i pomodori, poi unite fagioli, patate, pomodori ed il tonno con il suo olio. Insaporite con sale, se necessario, e spolverate con l’origano. Guarnite l’insalata di fagioli con basilico fresco.

Se volete far presto, potete usare i fagioli in scatola e lessare le patate, già sbucciate e tagliate a pezzetti, per 12 minuti in microonde a potenza max.

E buon gusto, da EatParade!